Mi rendo conto che il potere di imprenditorialità Rete e ciò che porta a tutti i nostri vincitori.

Christophe ha trascorso questi ultimi 10 anni alla direzione di grandi gruppi come Sage o Blackberry, stimolato dalle prospettive internazionali e multiculturali. È membro del Réseau Paris dal 2012, consulente e istruttore del programma Ambition. Storia reale di un creatore di successo.

Puoi raccontarci il tuo percorso in qualche riga ?

Creazione di start-up, di filiali, di lavoro, in funzioni di trasformazione, di inversione di organizzazioni, o di modelli di business, è il mio filo conduttore dal 1984, quando ebbi la mia prima avventura imprenditoriale negli Stati Uniti.

In seguito a una scuola commerciale, ho accumulato responsabilità, marketing, commerciale (Adobe, The PhoneHouse) e in questi ultimi 10 anni di direzione generale (Blackberry, Sage). Ho sempre lavorato in realtà internazionali e multiculturali. È uno stimolo senza il quale non potrei stare.


La mia sandbox, ecco la mia nuova tecnologia (IoT, Smart-Home, Mobile computing), l’evoluzione di 20 anni.  

Réseau Entreprendre, è stato rischioso? come sei entrato in contatto con Réseau Entreprendre Paris?

Non si è imprenditori per caso. È qualcosa che si ha dentro. Questo piccolo granello di follia, questo gusto del rischio, questo bisogno di « sbaragliare » i clichés, di sfidare i modelli, di creare, di trasformare e di arricchire la nostra quotidianità Alors quand un de mes amis, membre du réseau, m’a parlé de l’association, j’ai tout de suite adhérer. 2 entretiens plus tard, je me retrouvais à mon premier comité d’engagement.

Cosa ti ha spinto a impegnarti in qualità di membro consulente ?

Ho imparato molto e imparo ancora a contatto con gli altri. Ho fatto, e continuo a fare, dei bellissimi incontri che mi nutriscono e mi permettono di avanzare e di costruire i miei progetti. Diventare consulente mi è semplicemente sembrata una cosa naturale. È il modo che ho trovato più efficace di condividere e trasmettere ciò che mi è stato donato.

Che cosa impari, cosa ti rimane delle esperienze di affiancamento agli ideatori di progetti? Di questa relazione?

Che nulla è per sempre, non si compra e che i limiti di un progetto sono quelli che noi fissiamo. Tutto può essere messo in discussione; un modello economico, un brevetto, un uso.


Tutti questi giovani ideatori di progetti l’hanno ben capito ed è a contatto con loro che si è affinato il mio senso di imprenditorialità. 

Come bambini, senza restrizioni, spingono costantemente i limiti senza fermarsi, e fanno avanzare l’innovazione in ogni senso.

Infine, ciò che mi rimane dall’esperienza di affiancamento è semplicemente… freschezza. Ho l’impressione di contribuire al progetto del secolo. Qualcosa di grande.

 

Hai un ricordo in particolare da condividere?

Durante la mia seconda missione in qualità di consulente, uno dei vincitori fondatori ha perduto « il lume » e ha messo a rischio il futuro del progetto. Era una situazione delicata in cui la posta in gioco dipendeva dall’affiancamento. Ciò che potevo dire o fare aveva un forte impatto in un senso o nell’altro. Ho ricercato l’ascolto, l’intesa con l’altro fondatore, una rigida comunicazione con tutta la squadra, un aiuto e un sostegno a livello di rete facendo appello a diversi interventi ed esperienze.
4 mesi più tardi, la società si faceva comprare da una SSII inglese. I 2 fondatori sono tuttora amici e quello che aveva perso « il lume » è ancora nel sistema. Sono solo stato un « facilitatore ».

In 3 parole Réseau Entreprendre ?

Stimolare, Agitare, Provocare.

X

Entrepreneurs, en partenariat avec Réseau Entreprendre, Gan Assurances vous offre un audit gratuit.